Sei in home con-il-progetto-smisto-la-mobilità-tra-lombardia-e-ticino-diventa-più-green.-

NEWS

SMISTO

Con il progetto SMISTO la mobilità tra Lombardia e Ticino diventa più green.

Ad oggi sono in corso i lavori presso 13 pontili di alcuni scali dei laghi Maggiore e Como tra regione Lombardia e regione Piemonte per rendere più accessibili alle persone non vedenti e ipovedenti i viaggi a bordo dei battelli grazie all’installazione di percorsi e mappe tattili. Sono state acquistate e rese disponibili carrozzine per i viaggiatori che ne abbiano necessità.

 

In accompagnamento ai lavori infrastrutturali, è stato effettuato un percorso formativo per il personale di bordo e di scalo per l’assistenza dei passeggeri con disabilità e a mobilità ridotta.

 

Entro dicembre 2020, saranno conclusi anche i lavori per la realizzazione del sottopasso di collegamento tra il nuovo parcheggio di interscambio alla fermata del treno di Cantello Gaggiolo sulla linea transfrontaliera Mendrisio-Varese. All’interno del parcheggio verranno istallate anche 3 colonnine per la ricarica elettrica delle automobili.

 

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, Regione Lombardia insieme ai partner di progetto, sta studiando titoli di viaggio integrati che diano la possibilità di spostarsi più facilmente nelle zone di frontiera e un programma di offerta di trasporto pubblico integrato tra treni, autobus e battelli che va di pari passo a un insieme di interventi infrastrutturali per migliorare il modello di accessibilità ai servizi.

Tra i primi risultati, la progettazione della cosiddetta “palina Lombardia”. Ideata per essere posta lungo le nuove linee transfrontaliere, in armonia con quelle svizzere già esistenti. La palina è stata elaborata per rispondere alle esigenze e ai suggerimenti espressi dalle associazioni con disabilità del territorio, con l’obiettivo di rendere il trasporto pubblico sempre più inclusivo.

 

In corso di sperimentazione anche corsie dedicate al car pooling in territorio svizzero, che perseguono l’obiettivo di diminuire la presenza di automobili e quindi ridurre l’inquinamento atmosferico.

 

A causa dell’emergenza sanitaria e al lockdown dei mesi scorsi il progetto ha avuto delle battute d’arresto, soprattutto per quanto riguarda i lavori di cantiere e di miglioramento delle infrastrutture. Dall’inizio dell’estate tutti i progetti e gli incontri stanno riprendendo per raggiungere i traguardi comuni entro la data prefissata

 

Il progetto ha durata di 3 anni e verrà concluso nell’estate del 2021 per un totale di 1.689.667,24 euro e 994.952,00 franchi svizzeri. Scopri di più sul progetto.