Sei in home progetti AMALAKE

Amazing Maggiore: Active Holiday on the Lake Maggiore

Il paesaggio, nelle sue varie accezioni, è il patrimonio culturale identitario e peculiare dell’area che si affaccia sul Lago Maggiore e le Valli. In coerenza con l’asse 1 del Programma Interreg AMALAKE prevede azioni per sviluppare ed integrare filiere/reti di imprese turistiche coerentemente con la valorizzazione in chiave turistica delle risorse paesaggistiche, ambientali, culturali ed iniziative di comunicazione e promozione per accrescere la visibilità della destinazione e incrementare i flussi. Per offrire un’immagine coerente con le caratteristiche del territorio ed i nuovi bisogni del pubblico, si lavorerà sul tema ampiamente inteso della sostenibilità, valorizzando e soprattutto mettendo in rete imprese, risorse ed iniziative realizzate da attori diversi. Il progetto prevede 3 macro-azioni: SPORT OUTDOOR sviluppo e promozione della vacanza attiva, con particolare riferimento a cicloturismo e mtb (costruzione reti di imprese/operatori professionali, culturali etc. e messa in rete di percorsi e itinerari sport outdoor); TURISMO GREEN (certificazione green di eventi culturali/sportivi dell’area che siano grandi attrattori internazionali e sviluppo di una rete di servizi/prodotti green a supporto eventi e soprattutto per composizione offerte/prodotti turistici green); PROMOZIONE E COMUNICAZIONE della destinazione elvetico-piemontese-lombarda sui mercati internazionali, con particolare riferimento a nuovi mercati (Nord Europa) e sui principali mercati di riferimento.

durata progetto


36 mesi

data inizio


29. 11. 2018

data fine


28. 11. 2021

ASSE 1 - COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE


Obiettivo specifico 1.1 - Maggiore collaborazione transfrontaliera tra imprese e altri attori dello sviluppo


A) Azioni di sistema, ossia volte a creare condizioni di contesto che facilitino la collaborazione transfrontaliera tra imprese. / C) Interventi per l’integrazione e ampliamento delle filiere/sistemi/reti di imprese locali consentendo alle MPMI di rafforzare la capacità di internazionalizzazione e di presentarsi sui mercati con modalità più competitive, innovative e sostenibili. / D) Interventi a sostegno della competitività e della sostenibilità ambientale delle reti transfrontaliere di MPMI che operano nel comparto turistico.

Destinatarie sono le PMI turistiche dell’area: quasi 1.000 fra hotel, campeggi, etc., per circa 56.900 posti letto. Sono per lo più strutture di piccole dimensioni a conduzione familiare: sul lato italiano solo 60 alberghi hanno più di 100 posti letto – quasi tutti nel VCO; solo il 20% circa dei campeggi ha più di 600 posti (in media 435 posti).

Le offerte ad hoc per la vacanza outdoor, green, culturale sono occasionali; poche le strutture certificate green (6 EMAS in un precedente interreg); scarsissima l’adesione a reti nazionali (es. solo 9 strutture dell’area italiana aderiscono ad Albergabici FIAB). In generale mancano reti e collaborazioni stabili, anche se esistono alcuni club di prodotto, anche da precedenti Interreg (Piccoli Alberghi Tipici ed Ospitalità di montagna – 10 imprese; LagoMaggiore Bike Hotels – 8, Parkè 25 nel Parco Veglia Devero Antrona). Scarsa la collaborazione con operatori dei settori complementari (servizi per vacanza attiva, agroalimentare, commercio, servizi e strutture culturali etc.). Gli imprenditori stessi lamentano frammentazione, scarsa comunicazione/ conoscenza: viste le dimensioni e l’assenza di esperienze pregresse, servono facilitatori che li supportino nella fase di reciproca conoscenza, condivisione di obiettivi e regole comuni, strutturazione e gestione iniziale di reti.

Il progetto si rivolge poi a imprenditori/operatori che completano la filiera della vacanza attiva, culturale e green: settore agroalimentare, artigiani, imprese che realizzano manufatti a forte valenza identitaria (es. casalinghi nel VCO, sistema moda di Novara e Varese etc.), servizi (noleggio, assistenza, riparazione, formazione, accompagnamento, trasporto etc.), associazioni sportive; servizi wellness; operatori, istituzioni ed associazioni culturali … sono per lo più di dimensioni micro, ridotta capacità promozionale pur con un’offerta spesso di qualità elevata; pochi (agroalimentare) hanno reti/ consorzi con marchi collettivi.


I principali stakeholders di riferimento sono: associazioni di categoria, ATL, policy makers locali e regionali, sistema formativo. A questi si aggiungono soggetti pubblici e privati che si occupano di gestione di servizi per la comunità (trasporti, rifiuti, energia) o di progettazione e realizzazione di infrastrutture per la vacanza attiva; questi soggetti saranno ampiamente coinvolti in fase di realizzazione.

Per la redazione del progetto in Italia ci si è confrontati con le associazioni di categoria, le ATL, i principali policy makers (es. principali comuni turistici), il consorzio turistico Varese Convention & Visitors Bureau, scuole e provveditorati con i quali le Camere di commercio collaborano per i progetti di Alternanza. Nel VCO sono stati realizzati incontri con i soggetti pubblici e privati che si occupano di gestione di servizi per la comunità (trasporti, rifiuti, energia). In Ticino sono stati contattati l’Agenzia Turistica Ticinese e l’Ente Regionale di Sviluppo. Oltre agli stakeholder pubblici, di cui fanno parte anche i comuni del comprensorio OTLMV oltre all’Ente regionale di sviluppo e il Cantone, saranno coinvolti la sezione di hotelleriesuisse Ascona-Locarno, Bellinzona e Alto Ticino (certificazione “Bike Hotels”), l’associazione dei campeggi, le aziende di trasporti pubblici e gli impianti di risalita.


Camera di Commercio del Verbano Cusio Ossola / Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli / Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Novara / Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Varese / LAGO MAGGIORE HOLIDAYS


Il progetto prevede interventi che migliorano la qualificazione ambientale dei processi/servizi/prodotti turistici, tramite 1) la certificazione ambientale di almeno 4 eventi culturali/sportivi di rilievo internazionale 2) contemporaneo sviluppo di una filiera per il turismo green, che comprenda i servizi di ospitalità, la ristorazione, i trasporti, le attività per il tempo libero etc.. 3) coinvolgimento degli operatori economici e degli enti/istituzioni che gestiscono servizi per la collettività sin dalla primissima fase di certificazione 4) attività di animazione, sensibilizzazione, educazione sia dei turisti che della comunità locale come parte del processo di certificazione e dell’impegno verso la collettività che devono assumere i soggetti certificati.

Verranno quindi stimolati direttamente comportamenti virtuosi da parte degli operatori economici e indirettamente della comunità. Il progetto prevede inoltre di dare valore e promuovere i prodotti locali, i beni culturali e ambientali – es. Parchi, aree protette… etc – che verranno inclusi nella rete di servizi per la vacanza attiva, favorendo un turismo rispettoso ed attento alla sostenibilità – ambientale e non. Lo sviluppo di un’offerta integrata per la vacanza attiva consente di ridurre la stagionalità e incentivare maggiori presenze turistiche nelle valli e località minori e dell’entroterra, riducendo alcune criticità evidenziate al punto “analisi del contesto ambientale”.

Interreg

valore totale del progetto

1.104.146,14

Interreg

CHF 873.166,00

contributo pubblico fesr

€ 938.524,22

contributo pubblico nazionale italiano

€ 165.621,92

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura del Verbano Cusio Ossola (VCO)

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Novara - (Novara)

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Varese (Varese)

"Lago Maggiore Holidays - Verbania

(VCO) "

Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli -Gambarogno (Ticino)