Sei in home progetti D.E.A.

DEA: Diversità E Arti performative per una società inclusiva del terzo millennio

DEA si allinea alle indicazioni del WE.CA.RE Patto per il Sociale della Regione Piemonte 2017, del Monitoraggio società e handicap 2016 (FORS, Pro Infirmis, UFPD), del DECS Dipartimento Educazione, Cultura e Sport e del DSS Dipartimento Sanità e Socialità del Canton Ticino, promuovendo la cooperazione transfrontaliera, la rigenerazione comunitaria e la partecipazione attiva in contesti sociali ai margini: giovani, immigrati, persone con fragilità.

DEA supera il concetto d’intrattenimento destinato alle pratiche artistiche e propone in forma di servizi alla persona percorsi di danza, musica e teatro, che s’integrano in percorsi professionalizzanti e in eventi performativi di comunità; realizza processi di progettazione partecipata, azioni di mentoring gestionale e di coaching professionale, crea una rete sociale di fruizione dei servizi offerti dalle Start-up e dalla Rete svizzera coinvolgendo policy maker, stakeholder, operatori, famiglie e utenti.

Le Università di Economia capofila verificano la sostenibilità del progetto, rilevano l’efficacia in termini d'impatto economico-sociale-relazionale, valutano alcune esperienze di Partenariato Pubblico-Privato nel settore socio-sanitario e artistico-culturale.

La comunicazione congiunta prevede momenti performativi che accrescono la visibilità, storytelling veicolato da video e da social media, programmazione di sito/video/logo/pubblicazione/documentario di progetto in cui trovano spazio ricerca, valutazione e marketing.

durata progetto


36 mesi

data inizio


05. 04. 2019

data fine


04. 04. 2022

ASSE 4 - SERVIZI PER L’INTEGRAZIONE DELLE COMUNITÀ


Obiettivo specifico 4.1 - Incremento delle soluzioni condivise per migliorare l’accessibilità dei servizi sociali di interesse generale sui due lati della frontiera, in particolare a vantaggio delle fasce maggiormente vulnerabili o a rischio di discriminazione


A) Iniziative per accrescere la qualità e la fruibilità dei servizi sociali e sanitari.

WP5–Attività 1: fasce sociali deboli (stranieri; adolescenti di età compresa tra i 15 e i 30 anni; giovani under 30 con mansioni di monitoraggio, accompagnamento educativo, organizzazione, video e comunicazione).

WP5–Attività 2: gruppi integrati di persone con fragilità, soggetti in carico ai Servizi Sociali del Comune di Novara.

WP5–Attività 3 - 4: giovani con fragilità individuati all’interno dei percorsi formativi; persone diversamente abili con esperienza scenica pluriennale. La sperimentazione dei laboratori nelle scuole è offerta a classi con bambini dai 6 agli 11 anni anche con fragilità.

WP5–Attività 4: soggetti con sindrome di Asperger/autismo.

WP5–Attività 4: giovani di età compresa fra i 15 e 30 anni.

WP5–Attività 5: utenti che hanno fruito dei servizi formativi e laboratoriali del progetto e cittadinanza.

WP5–Attività 6: artisti con fragilità.

Per quanto riguarda il Comune di Novara, i soggetti che potrebbero beneficiare delle attività sono: minori fragili e relative situazioni familiari con intervento a carattere sociale (n. 1300, di cui n. 800 tra 11 e 17 anni, con intervento a carattere educativo n.170); disabili minori e adulti e relative situazioni familiari con intervento a carattere sociale n. 270, con intervento a carattere educativo n. 150.

Le qualità educative di un’esperienza con l’arte sono tema di largo consenso nell’ambito delle scienze umane, tanto da richiamare una offerta fornita con una adeguata competenza professionale.

Destinatari indiretti: istituzioni, enti, associazioni, pubbliche e private interessati dai servizi del progetto (WP6-start up). Per i laboratori: operatori sociali quali educatori, volontari delle associazioni, mediatori culturali e insegnanti. Le attività coinvolgeranno inoltre stagisti e studenti del Liceo Artistico Musicale e Coreutico e del Liceo delle Scienze Umane e delle scuole che vorranno aderire al programma Alternanza Scuola-Lavoro (WP5). Infine saranno raggiunte le comunità prossimali di tutti i partecipanti attivi.


Il partenariato italiano ha già attivato contatti con i principali stakeholder di riferimento dell’ambito settoriale in cui si colloca l’idea progettuale: ASL Novara e Regione Piemonte - Assessorato Politiche sociali, della famiglia e della casa. La presenza sul territorio novarese di Associazioni e Fondazioni private di recente costituzione diventa un valore aggiunto in termini di risorse disponibili da investire in interventi per promuovere l'utilizzo dei linguaggi artistici in quanto forma privilegiata di accessibilità, inclusione, a favore della cittadinanza, dal rilievo educativo e culturale. A ciò si aggiunga la recente disponibilità concessa dal Comune di Novara di un “Hub di innovazione sociale per la città di Novara”, luogo catalizzatore di energie, capace di mettere in rete e creare inclusione per giovani, gruppi informali, associazioni, professionisti e famiglie.

In parallelo il capofila svizzero USI ha effettuato una serie di incontri con i due Dipartimenti del Governo del Canton Ticino potenzialmente interessati ai contenuti del progetto, il DECS dipartimento educazione, cultura e sport ed il DSS (Dipartimento Sanità e Socialità). Sono state inoltre sentite alcune istituzioni non profit che hanno avviato progetti integrati nell’ambito arte- salute (STAC Fondazione Casa dei Ciechi Lugano, Fondazione Diamante) e verificato un eventuale interesse da parte di associazioni non profit ed imprese sociali (Associazione PPP Suisse – Antenna Canton Ticino, ESRL) ad associarsi al progetto, nella prospettiva di creare una rete sociosanitaria ed artistico-culturali sul territorio. Per quanto concerne gi aspetti socio-artistici Teatro Danzabile a già avviato una collaborazione con ASI (Autismo Svizzera Italiana).


Università del Piemonte Orientale / Università della Svizzera italiana / Comune di Novara / IUSEFor / OLTRE LE QUINTE A.P.S. / Associazione Didee - arti e comunicazione / FONDAZIONE NUOVO TEATRO FARAGGIANA / Clinica Hildebrand Centro di riabilitazione Brissago / Associazione Teatro Danzabile


La proposta progettuale non prevede l’adozione di soluzioni o strumenti finalizzate a ridurre le pressioni ambientali e di prodotto.

Interreg

valore totale del progetto

928.620,43

Interreg

CHF 50.630,00

contributo pubblico fesr

€ 789.327,37

contributo pubblico nazionale italiano

€ 91.591,43

Università del Piemonte Orientale - (Novara)

Comune di Novara

IUSEFor - (Novara)

OLTRE LE QUINTE A.P.S. - (Novara)

Associazione Didee - arti e comunicazione - (Torino)

FONDAZIONE NUOVO TEATRO FARAGGIANA - (Novara)

Università della Svizzera italiana - Lugano (Ticino)

Associazione Teatro Danzabile - Mendrisio (Ticino)