Sei in home progetti R.I.S.I.CO.

Rete Integrata di Servizi per l'Innovazione e la COmpetitività

L’evoluzione dei mercati internazionali richiede alle Piccole e Medie Imprese maggior capacità di innovazione, l’introduzione di nuove tecnologie digitali e un più stretto raccordo con i centri di produzione del sapere tecnico scientifico. Cambiamenti che per le PMI non sono facili da affrontare.

Il progetto RISICO intende migliorare i processi di innovazione e digitalizzazione nelle PMI, attraverso servizi di accompagnamento e formazione coerenti con le specificità organizzative e culturali di queste imprese.

Esso si rivolge a tre settori caratterizzati, sia nel Canton Ticino sia nel territorio di Como e Varese, da un diffuso tessuto di PMI che potrebbero trarre forti benefici da una collaborazione transfrontaliera nell’attivazione di comuni processi di innovazione di filiera: meccatronico, moda/tessile, scienze della vita.

Le PMI verranno aiutate a formulare piani di miglioramento, a introdurre i cambiamenti richiesti e ad acquisire le metodologie e competenze necessarie per attuarli.

La diffusione dei servizi sperimentati in RISICO migliorerà la capacità di innovazione delle PMI attraverso l’incremento di collaborazione con centri di trasferimento tecnologico e con altre imprese della filiera transfrontaliera, generando un aumento di “capacità competitiva di sistema” che produrrà maggior presenza sui mercati internazionali e incremento del valore aggiunto prodotto. Il tessuto di PMI del territorio transfrontaliero verrà integrato in reti capaci di generare innovazione continua.



Scarica la brochure

durata progetto


30 mesi

data inizio


22. 11. 2018

data fine


21. 05. 2021

ASSE 1 - COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE


Obiettivo specifico 1.1 - Maggiore collaborazione transfrontaliera tra imprese e altri attori dello sviluppo


B) Interventi congiunti di innovazione di prodotto/servizio (product-service innovation), innovazione di processo (process innovation), innovazione strategica e organizzativa (business innovation) .

Le MPMI dei settori Meccatronica, Moda e Scienze della vita nei territori del Canton Ticino e delle Province di Varese e Como sono 4.111 con 48.389 addetti nel territorio lombardo (Istat 2015) e 703 con 13497 addetti in Ticino.

La sperimentazione coinvolgerà direttamente:

100 imprese nei workshop interaziendali sulle sfide settoriali e l’innovazione nelle MPMI

40 imprese nei servizi di Innovation Assesment (20 in Italia e 20 in Canton Ticino)

24 imprese nei servizi di Accompagnamento e formazione a supporto di progetti di miglioramento nell’innovazione di prodotto/processo e/o introduzione di nuove tecnologie digitali (12 in Lombardia e 12 in Canton Ticino).

Tutte le MPMI dei 3 settori sono potenziali futuri utenti dei servizi che verranno sperimentati e validati attraverso il progetto. Inoltre i servizi saranno erogabili anche in altri territori. Le attività di comunicazione e valorizzazione dei risultati del progetto puntano a raggiungere almeno 10.000 imprese.

Destinatari indiretti del progetto sul versante italiano sono Confindustria Lombardia e le Associazioni imprenditoriali di Varese e Como (che rappresentano più di 3000 imprese nella Lombardia nord occidentale) interessate a sostenere la capacità competitiva delle MPMI nei propri territori.

I servizi validati dal progetto potranno essere erogati anche attraverso canali di finanziamento già attivi sull’innovazione, come i bandi tematici di Fondimpresa e Fondirigenti. Tra i beneficiari dei risultati di RISICO sono da considerare anche questi organismi e la Regione Lombardia, impegnati a costruire sinergie su obiettivi comuni che valorizzino diverse risorse e opportunità per un effetto moltiplicatore dei singoli investimenti a sostegno della competitività di imprese e lavoratori.

Sul fronte svizzero i risultati del progetto possono fornire utili indicazioni all’Agenzia per l’innovazione del Canton Ticino, impegnata a promuovere servizi a sostegno della capacità di innovazione delle MPMI.


Un gruppo di Associazioni economiche italiane e svizzere (Confindustria, Confindustria Lombardia, Economiesuisse, la Camera di Commercio del Cantone Ticino e l’Associazione Industrie Ticinesi) hanno attivato un tavolo di lavoro permanente per affrontare insieme gli ostacoli che tuttora intralciano i rapporti tra le due economie e attivare sinergie e collaborazioni, tra cui lo scambio di buone pratiche e lo sviluppo di attività e servizi congiunti sui temi dell’innovazione.

Confindustria Lombardia e Associazione Industrie Ticinesi (AITI) hanno riconosciuto la piena coerenza degli obiettivi di RISICO con questa direttrice di intervento. Con loro si è proceduto a verificare la valenza strategica e l’ipotesi operativa del progetto prima di procedere alla costituzione del partenariato (che poi ha visto la partecipazione diretta di AITI) e la presentazione della Manifestazione di interesse.

Confindustria Lombardia e le Unioni Industriali di Como e Varese seguiranno lo sviluppo e i risultati progressivamente prodotti dal progetto, fornendo orientamenti e indicazioni. In avvio verrà condiviso con loro il planning operativo del progetto e una loro rappresentanza sarà sempre presente ai workshop interaziendali previsti nei territori. Materiali di presentazione delle attività e dei risultati di RISICO saranno ospitati sui loro siti istituzionali per tutta la durata del progetto.

Il progetto è stato presentato presso il Dipartimento dell’Economia del Canton Ticino, che ha condiviso le tematiche e gli obiettivi trattati.

Con gli stakeholder si svolgerà un seminario finale per validare i risultati e condividere un piano per la loro implementazione e disseminazione.

In quest’ultima fase sul versante italiano saranno coinvolti anche Regione Lombardia, Fondimpresa, Fondirigenti e Assolombarda, ai fini di favorire la disseminazione dei risultati attraverso una pluralità di strumenti e in un territorio più allargato rispetto ai confini del progetto.


ECOLE - ENTI CONFINDUSTRIALI LOMBARDI PER L'EDUCATION - SOCIETA' CONSORTILE A R.L. / Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana / UNIVA SERVIZI S.R.L. / UNINDUSTRIA SERVIZI S.R.L. / UNIVERSITA ' CARLO CATTANEO - LIUC / Associazione Ated - ICT Ticino / AITI - Associazione Industrie Ticinesi


Il progetto, non essendo finalizzato a specifici obiettivi di sostenibilità ambientale, non prevede l’adozione di particolari strumenti per garantire le performance in quest’ambito. In realtà l’azione di miglioramento dei processi di innovazione prodotto/processo e digitalizzazione nelle MPMI porterà ad interagire con problematiche di questo tipo, in particolare per quanto riguarda produzione e utilizzo di prodotti e materiali ecocompatibili certificati, applicazione di sistemi di gestione ambientale delle imprese, ricerca di efficienza nell’uso delle risorse (riduzione degli scarti) e del risparmio energetico, riduzione degli impatti ambientali.

capofila italia

ECOLE - ENTI CONFINDUSTRIALI LOMBARDI PER L'EDUCATION - SOCIETA' CONSORTILE A R.L.

Visualizza su Google Maps
Interreg

valore totale del progetto

746.524,82

Interreg

CHF 651.987,00

contributo pubblico fesr

€ 581.391,49

contributo pubblico nazionale italiano

€ 0,00

ECOLE - Enti Confindustriali Lombardi per l'educazione società consortile a r.l. - Como

UNIVA SERVIZI s.r.l. - Gallarate (VA)

Unindustria Servizi s.r.l. - Como

Università Carlo Cattaneo LIUC – Castellanza (VA)

Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana - Canobbio (Ticino)

Associazione Ated - ICT Ticino - Bellinzona (Ticino)

A.I.T.I. - Associazione Industrie Ticinesi - Lugano (Ticino)