Sei in home progetti TYPICALP Typicalp è Tipicità, Innovazione e Competitività della filiera lattiero casearia di montagna

NEWS

Typicalp è Tipicità, Innovazione e Competitività della filiera lattiero casearia di montagna

Un progetto che valorizza la produzione lattiero casearia in Valle d’Aosta e nel Canton Vallese

Prime considerazioni dal report del progetto europeo Typicalp (Interreg V-A Italia-Svizzera 2014-2020).

È stato consegnato, all’Autorità di Gestione del Programma Interreg Italia-Svizzera, la prima parte del Report sull’attività di caratterizzazione della filiera lattiero-casearia in Valle d’Aosta, nell’ambito del progetto TYPICALP WP3, che vede come capofila italiano l’Institut Agricole Régional e come Capofila Svizzero la Hes-So Valais.

Il rapporto è stato redatto dal Responsabile Operativo e Tecnico Ricercatore Luca Vernetti-Prot e dal Tecnico Ricercatore Carlo Francesia, insieme con l'integrazione dei “deliverables” dall’intero team di Typicalp.

Grazie ai dati forniti dal Laboratorio Analisi Latte del Dipartimento Agricoltura dell'Assessorato turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta, partner del progetto Typicalp, è stato possibile delineare il quadro completo della filiera di produzione lattiero-casearia di montagna.

I dati emersi* descrivono lo scenario operativo del comparto valdostano.

*L’analisi è stata effettuata prima dell’emergenza sanitaria per COVID-19.

“È molto il lavoro che rimane da fare, si tratta comunque di uno step importante soprattutto alla luce della cooperazione transfrontaliera“ Carlo Francesia | Ricercatore Institut Agricole Régional

 

SCENARIO VALDOSTANO

La filiera Fontina DOP si inserisce in un contesto virtuoso in relazione alle pratiche e al territorio in cui opera.

Il tessuto agricolo/rurale è ben presente e ben percepito, le caratteristiche di tipicità e autenticità hanno una forte rilevanza sociale così come l’ambiente salubre di montagna che risulta essere il traino turistico insieme all’interesse per la gastronomia e il soggiorno in agriturismo.

I ricercatori però evidenziano alcune debolezze che minacciano la qualità della produzione come, per esempio, la scarsa propensione al cambiamento e all’innovazione, la stagionalità del prodotto e del consumo connessi alla nascente difficoltà dei latticini dovuta in parte ad una disinformazione sulla corretta alimentazione (diete/mode).

 

PRODUZIONE DEL LATTE

La situazione complessiva della risorsa ambientale legata alla zootecnia, alla gestione dei prati-pascoli e della trasformazione del latte denota da una parte alcune problematiche dall’altra delle opportunità.

Se da una parte le aziende del settore zootecnico vedono un progressivo aumento del carico dei costi, legato alla produzione e agli investimenti per la ricerca di forme di diversificazione nella filiera lattiero casearia, dall’altra, sfruttare le peculiari caratteristiche del territorio, degli allevamenti e i suoi metodi di gestione delle mandrie, delle razze autoctone e del prodotto Fontina, peraltro impossibile da replicare e quindi unico sul mercato, permetterebbe di cogliere nuove opportunità commerciali e di sviluppo economico per le aziende produttrici. 

 

PRODUTTORI CASEARI LOCALI

Il mercato della Fontina DOP, nella sua strutturazione classica è cambiato: sono aumentate le forme di Fontina DOP prodotte e vendute da privati rispetto a quelle della Cooperativa (C.P.L.F). La rete di vendita della Cooperativa Produttori Latte e Fontina ha visto diminuire la percentuale di prodotto trattato, che ha avuto come risposta quella dell’ampliamento della gamma di offerta sia per il B2B (ho.re.ca e GDO) che per il B2C (consumatore finale).  

Poi c’è l’italian sounding, che annovera tra i prodotti più imitati al mondo anche il nostro famoso formaggio, sfavorendo la crescita delle esportazioni e ponendo, sempre di più, l’accento sull’importanza dell’etichettatura e dei sistemi di tracciabilità.

Nei prossimi mesi la ricerca si focalizzerà proprio sulla distribuzione e sulle proposte strategiche per il miglioramento della qualità della filiera attraverso un approccio di gestione sostenibile e di innovazione.

Infatti grazie ai dati forniti relativamente a “Analisi di Buone Pratiche e Scouting Tecnologico”, in relazione alla prima attività del WP4: miglioramento della competitività dei prodotti e dei processi di filiera, è stato possibile analizzare nuovi sistemi di tracciabilità e di logistica distributiva, applicati alla filiera agroalimentare con focus sull’uso di dispositivi IOT, sulle piattaforme di disintermediazione e sul trasporto collaborativo orizzontale (HCT).

 → Vai al report relativo all’analisi di buone pratiche e scouting tecnologico (WP4)

Per partecipare gratuitamente come “caso pilota”, su cui sviluppare e testare le attività del progetto, scrivi a info@typicalp.eu 

N.B Possono partecipare tutte le aziende operanti nella filiera lattiero-casearia, agroalimentare o nel settore della logistica, in Valle d’Aosta o nel Canton Vallese. 

Per essere aggiornati sul progetto ed essere invitati alle iniziative e agli eventi in programma seguiteci sui social e richiedete l'iscrizione alla mailing list all'indirizzo info@typicalp.eu 

N.B Tutte le attività e gli eventi di promozione si svolgeranno, nei prossimi mesi, in ottemperanza alle misure di contenimento del DPCM, attivate nell'ambito dell'emergenza COVID-19.

FACEBOOK

INSTAGRAM

TWITTER

YOUTUBE